14 May 2014



Nella prima parte del 2013 nasceva un'italo-lombardo a glasgow, blog con l'obiettivo di dire al mondo che anche a chi nasce in Brianza e' consentito scrivere. 

Che non significa farlo bene. Quella e' pur sempre la terra che ha dato i natali al Parini ma che preferisce ricordare l'inventore della chiave a brugola. 
Li' non si coltiva nulla: si costruiscono capannoni e villette a schiera. Tanto gli ortaggi non servono come antipasto. Abbiamo i salumi, rigorosamente da abbinare ai nervitt.

Li' si lavora tanto, facendo fatica e muovendo velocemente le mani. Il blogger non sara' mai un lavoro ma solo un modo per perdere tempo.

Ma cosa ho imparato in un anno di italo-lombardo a glasgow?

  • la maggior parte dei lettori sono donne: oltre l'80% dei commenti ricevuti arriva da loro. Che potrebbe significare che gli uomini leggono senza interagire con l'autore, sebbene il numero di blog femminili e' di gran lunga superiore a quelli scritti da uomini;
  • che gli italiani hanno sempre un opinione: adoriamo esprimerla, anche quando non e' richiesta e anche quando schierarsi da una parte o dall'altra non e' necessario. Cosa che invece non farebbero gli scozzesi, popolo che tende a non ostentare la propria opinione, quasi a nasconderla;
  • si guadagna poco: pochissimo per ora, fatta eccezione per qualche voucher generosamente elargito da alcuni benefattori.
E ora qualche informazione un poco piu' tecnica, per coloro i quali scrivono e chiedono informazioni su come iniziare un blog:
  • io non sono un blogger, come ben dimostra il risultato. Cio' che faccio lo faccio per puro divertimento, per meglio conoscere il posto nel quale vivo, per conoscere gente nuova e migliorare le mie scarse competenze informatiche. Nella vita di tutti i giorni sono un ragioniere, uno dei migliori che la scuola superiore italiana abbia mai saputo vendere all'estero;
  • da un italo-lombardo a Glasgow passano circa 300 lettori al giorno, che sono poco meno di 10.000 visite al mese. Per aumentare i numeri (ed il potenziale guadagno) e' necessario investire tempo, scrivere regolarmente e utilizzare i social media. Personalmente utilizzo solamente twitter, nemmeno troppo regolarmente e con il minimo sforzo;
  • i blog sono nati in America nei primi anni '90. Nel blog due fattori sono altrettanto importanti: contenuto e forma. A distanza di oltre 20 anni, la tecnologia per migliorare il secondo fattore (che e' di fatto la grafica del blog) continua ad arrivare da oltreoceano. Per inspirazione e trend, i mercati di riferimento sono sempre quelli anglosassoni.
Un blog al momento molto letto da queste parti? The Londoner. Molte foto. Per chi adora l'inglese, Londra e tutto cio' che ne consegue. 

7 comments:

  1. Te mi spiazzi sempre nella scelta degli argomenti.L'hai fatto con il tuo intervento sull'Inglese (per il tono quasi da autoconfessione), e l'hai fatto con questo sul bilancio di un anno da blogger.Competenze informatiche a parte, scrivi molto bene, tanto che sulle prime pensavo facessi il giornalista.Ho appreso molte cose dal tuo blog. Non so se avrai voglia e occasione, ma mi piacerebbe leggere una tua riflessione sul prossimo referendum in Scozia.Intanto grazie per il tuo tempo e le cose belle di cui scrivi.
    Stammi bene, Italo.
    Un lombardo di pianura

    ReplyDelete
  2. Io non credo di aver mai seguito un blog scritto da un uomo. Sembra infatti ci siano solo donne che scrivono e quindi un po' hai forse ragione anche tu :)))

    ReplyDelete
  3. Oh povera Brianza! Pero' e' verissimo che e' una lunga distesa di capannoni. Ciao! OL

    ReplyDelete
  4. è vero, la maggior parte dei "blogger" sono donne :-)
    Grazie per le info, effettivamente anch'io ero una profana del web, ma da un anno a questa parte ho sicuramente imparato alcune cosine, chi mi hanno fatto appassionare a questo mondo!
    A presto :)

    ReplyDelete
  5. La Brianza e' bella quanto molte (troppe) zone industriali italiane sia del nord sia del centro sud italia. Il fatto che non sia un fiore di posto e' ben risaputo :) Betta

    ReplyDelete
  6. Trecento visite al giorno ? Ma è tantissimo !
    Io sul mio blog ho una media di venti...
    Come fai ?

    ReplyDelete
  7. 300 visite al giorno ? ma è tantissimo !
    sul mio blog ne ho 20 di media....
    come fai ?
    complimenti davvero !

    ReplyDelete

Powered by Blogger.