6 August 2014


7 Anni di programmazione, di preparativi e ben £575 milioni spesi per l'organizzazione dei XX Giochi del Commonwealth. Il tutto per 12 giorni di festa, di sport, con atleti di 71 Paesi a caccia di medaglie.

COSA MI E' PIACIUTO

- La folla: mai vista cosi' tanta gente a Glasgow. Ovunque e a tutte le ore,  anche grazie al ricco programma di eventi organizzato dalla Glasgow City Council;
- La BBC: copertura televisiva in stile Olimpiadi di Londra 2012. Tanta qualita' offerta da professionisti del settore. Da questa gente la RAI dovrebbe imparare;
- Il tifo del pubblico: per chiunque, col solo obiettivo di fare rumore e divertirsi. Chapeau!
- I quasi 30 gradi dei primi giorni dei Giochi. Tanto sole, cielo blu e niente vento. Da far invidia alla riviera ligure;
- Gli impianti sportivi che i Giochi hanno regalato alla citta' di Glasgow. Ennesimo e disperato tentativo per stuzzicare una popolazione poco propensa a muoversi e a mangiare bene.




COSA NON MI E' PIACIUTO

- La musica utilizzata nelle cerimonie di apertura e di chiusura. In una citta' musicale come Glasgow, si e' preferito l'usato nemmeno troppo sicuro: Rod Stewart, Deacon Blue, Lulu, Susan Boyle, Dougie MacLean e Kylie Minogue. Largo ai giovani!
- La performance di Rod Stewart alla cerimonia di apertura: da pelle d'oca. Per l'imbarazzo.
- Tunnock's tea cake & IRN-BRU. Il mostro di Loch Ness e le corna di cervo nella cerimonia d'apertura. Oddio! La Scozia offre anche dell' altro (per sua fortuna);
Il meteo scozzese degli ultimi 2 giorni. 1 ora di sole, 3 ore di pioggia torrenziale. Poi nebbia e freddo. Mai ci si abitua!



Photos from dailymail.co.uk & watchathletics.com

6 comments:

  1. se ti può consolare nella solare Liguria l'estate non è ancora arrivata! Forse in questi giorni comincia a vedersi qualcosa..:)

    ReplyDelete
  2. Glasgowwwww, che nostalgiaaaaa ... Avrei voluto esserci, ma non penso mi sarebbe piaciuta con così tanta gente!

    ReplyDelete
  3. Non li conoscevo affatto questi giochi. Ma quest'anno anche la mitica gazzetta dello sport se ne e' interessata e devo dire che sembravano delle mini olimpiadi, grazie soprattutto alla partecipazione di atleti di calibro internazionale. Gio'

    ReplyDelete
  4. a me è piaciuto molto il fatto che quelli che noi chiamiamo ''diversamente abili'' hanno gareggiato durante i giochi e non come alle olimpiadi alla fine...e non hanno una definizione specifica...

    ReplyDelete
  5. Caro amico preparati, il 18 si balla :) un italo veneziano ad Aberdeen.

    ReplyDelete

Powered by Blogger.